Baires-sarajevo

(1999)

Torino Film Festival

Un viaggio in Bosnia nel 1995 con il giornalista Gigi Riva ha permesso al regista Marco Bechis di trovare il modo formalmente appropriato per rappresentare la violenza nel suo prossimo film, Garage Olimpo (1999).

.

Estratto dalla produzione

note di Garage Olimpo.

“Come ho trovato, nel 1995, in Bosnia le immagini da utilizzare per girare il mio secondo film, GARAGE OLIMPO, a Buenos Aires? La domanda che mi sono posto è stata: come filmi la violenza? Usando quali immagini? Quelle immagini le ho ritrovate viaggiando in Bosnia con il giornalista Gigi Riva ”.

Dal testo del film / Dalla sceneggiatura del film:
“Non è mai stato realizzato un documentario su un campo di concentramento perfettamente funzionante. Per ovvie ragioni è impossibile. Volevo registrare il mio rapporto con quell'esperienza e quindi dare immagini ad eventi che altrimenti non ne avrebbero una sola. I dispersi non hanno immagini. La domanda che mi sono posto è stata: quali immagini? Qualunque immagine andrebbe bene? Chiaramente no. E questo problema è diventato un'ossessione ad ogni scatto. Credo che ogni immagine abbia la sua dimensione etica. Cosa significa? Che un'intenzione può essere tradita dall'immagine usata, perché le immagini hanno leggi proprie, che non sono quelle della parola scritta. Quindi, quali immagini si dovrebbero usare per descrivere un campo di concentramento? Quando lavori sottoterra, la fotocamera è sempre sulla tua spalla, l'illuminazione proviene dalla piccola luce che puoi vedere nell'inquadratura. Non avevamo altra illuminazione. D'altra parte, fuori, al livello della strada, la città era narrata come finzione, con luci artificiali e carrelli, che qui significava "finzione uguale falsità": la popolazione viveva in uno stato di falsità, la realtà era sotterranea. Sul set c'erano diversi sopravvissuti, madri e bambini di scomparsi, che guardavano in silenzio. Gli attori dovevano permettersi di entrare in una situazione a cui non erano abituati nella loro vita professionale. Ho scattato in sequenza. Gli attori non hanno mai letto l'intera sceneggiatura, avrebbero ricevuto solo le scene da girare ogni giorno. Volevo che si concentrassero sul qui e ora, su chi erano, e non sull'intero arco dei loro personaggi, il che li avrebbe inevitabilmente resi più interrogativi sui personaggi stessi. Se la domanda è: la violenza può essere rappresentata? La risposta è: la violenza non può essere rappresentata perché è soggettiva. Non c'è oggettività nella violenza. Allora: come può un mezzo come un film descrivere qualcosa di così intimo? Una donna sopravvissuta a un lungo periodo di detenzione e tortura disse una volta a una persona che le chiedeva a che genere di cose fosse stata sottoposta: "Di certe cose parlo solo alle mie piante". La sua risposta è sempre rimasta con me, dalla fase di sceneggiatura alla sala montaggio ”(Marco Bechis).