BIRDWATCHERS

(2008)

birdwatchers cover-01.jpg

Presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2008

Nel Mato Grosso do Sul, in Brasile, le classi contadine conducono un'esistenza ricca e tranquilla. Possedendo vaste aree di terreno agricolo, coperte da colture GM (geneticamente modificate), trascorrono le loro notti intrattenendo i turisti che sono venuti nella zona per vacanze di birdwatching.


Nel frattempo, gli indigeni Guarani-Kaiowà vivono un'esistenza inquieta ai margini della terra dei contadini. Trattati come un'altra curiosità dai birdwatcher sono costretti a vivere in riserve chiuse.
Le prospettive di occupazione sono deprimenti con poca scelta che lavorare come semi-schiavi nelle piantagioni di barbabietola da zucchero. È una situazione che spinge molti giovani al suicidio.

Uno di questi suicidi inizia a suscitare una ribellione all'interno della comunità locale Guarani-KaiowÃ. Guidato da Nadio e dallo sciamano locale, il gruppo ha allestito un accampamento al confine di una tenuta agricola nel tentativo di riconquistare la terra su cui sono sepolti i loro antenati. Così i due mondi opposti sono costretti a confrontarsi, scontrandosi sia ideologicamente che fisicamente. Tuttavia, entrambe le parti sono anche affascinate e curiose dell '"altro". Questa curiosità inizia a fiorire nelle relazioni, esemplificate al meglio dai profondi legami che si sviluppano tra il giovane apprendista sciamano Osvaldo e la figlia del contadino Maria.

.

.

MateusNachtergaele02
MateusNachtergaele02

press to zoom
0891portmannataliemarcobechisVE
0891portmannataliemarcobechisVE

press to zoom
5FabianePereiraDaSilva
5FabianePereiraDaSilva

press to zoom
MateusNachtergaele02
MateusNachtergaele02

press to zoom
1/7

STAMPA

Bechis lavora con le popolazioni indigene e le trasforma in attori [...]. E il risultato è convincente. Il film è visivamente affascinante. Il dialogo semplice, muro fino all'osso, riflette l'essenza delle due culture .
Gigi Riva, L'Espresso

Il film è un potente pugno nello stomaco [...] Una storia vera. Duro. Non tagliare gli angoli.
Gian Antonio Stella, Corriere della Sera

Il suo cinema è coerente, solido, mai scontato o blandamente commerciale, ma impeccabile nello stile e nella direzione.
Maurizio G. De Bonis, CultFrame

Marco Bechis è molto bravo. Il suo film è molto sentito, non mette mai un piede sbagliato, è commovente.
Adriano Sofri, La Repubblica

Mi chiedevo cosa ci fosse al centro della questione, e una delle possibili risposte era questa: l'esercito argentino, avendo perpetrato nel 1910 il suo ultimo massacro della popolazione indigena (cioè avendolo sterminato totalmente) e non essendolo mai stato provato - e nessuna rivalutazione di quei fatti è mai avvenuta - negli anni '70 potrebbe semplicemente aver riletto questa esperienza fondamentale e potrebbe aver visto i suoi giovani avversari argentini come "nativi", alieni che devono anche essere sterminati.
Marco Bechis, estratto da Birdwatchers "Making of"

In una sala di proiezione improvvisata ho mostrato loro due sequenze quasi prive di dialogo (Gli uccelli di Hitchcock; C'era una volta il West di Sergio Leone) [...] quello che cercavo principalmente erano i silenzi. Li ho avvertiti, spiegando che erano i protagonisti del film ma che gli attori secondari erano professionisti che sapevano molto bene come usare quei silenzi in una scena e sapevano benissimo come prendersi il loro tempo prima di rispondere. Di fronte alle immagini di Leone e Hitchcock hanno subito capito cosa volevo dire.
Marco Bechis, estratto da Birdwatchers "Making of"

Molto buono [...] evocativo, sorprendente, vivido e ben costruito.
Nick James, THE OBSERVER (Festival del Cinema di Venezia 2008)

Il miglior film in concorso è stato "Birdwatchers" di Marco Bechis, il cui background è sia europeo che sudamericano. Un dramma su una piccola tribù brasiliana che cerca di rivendicare la propria terra ancestrale ma sfregandosi contro i proprietari terrieri ei loro pregiudizi, esplora piuttosto che sfoggiare il suo programma liberale, solleva domande in modo sorprendente e offre spettacoli forti. Se solo ci fosse più o meno lo stesso.
Dave Calhoun, Time Out

Un film che ti entra sotto la pelle.
ZDF Heute Journal

È emerso un serio contendente per il Leone d'Oro [...] Questa storia tecnicamente impressionante non ha deluso.
GLI ORARI ONLINE