GARAGE OLIMPO

(1999)

garage.jpg

Direttore: Marco Bechis. Sceneggiatori: M. Bechis, Lara Fremder. Fotografia: Ramiro Civita. Montaggio : Jacopo Quadri. Costumi: Caterina Giargia. Scenografia: Romulo Abad, con coll. Jorge Sarudiansky e Esther Musatti. Musica: Jacques Lederlin.

Produzione esecutiva: Daniel Barman, Diego Dubcovsky. Cast principale Antonella Costa (Maria), Carlos EchevarrÃŒa (Felix), Pablo Razuk (Texas), Enrique PiÃ'eyro (Tigre), Marcelo Chaparro (turco), Adrian Fondari (Rubio), Miguel Oliveira (Nene), Dominique Sanda (Diane , mamma di Maria), Chiara Caselli (Ana, militante), Paola Bechis (Gloria).

.

.

Festival di Cannes 1999, Un Certain Regard.

Maria è un'attivista militante in un'organizzazione contraria alla dittatura militare in Argentina. Insegna lettura e scrittura nelle baraccopoli e vive con la madre in una vecchia e fatiscente residenza in cui la madre affitta alcune stanze. Uno degli inquilini, Felix, un uomo giovane e timido, è innamorato di Maria. Sembra non avere passato né famiglia e si occupa di un garage - almeno questo è quello che dice. Una mattina, Maria viene portata via, davanti alla madre, da una squadra di militari in borghese. La giovane viene portata al garage Olimpo, una delle numerose stanze di tortura che infestano Buenos Aires con indifferenza generale della popolazione. Per far parlare Maria, Tigre, il capo del centro, la consegna a uno dei suoi uomini migliori: Felix, l'inquilino. La sua sopravvivenza, la sua unica speranza di salvezza è Felix, il suo torturatore.

.

GOradio
GOradio

press to zoom
i1KhLh3PDtz1uMbaMlKuwVheiM69zUrfrctefu9M
i1KhLh3PDtz1uMbaMlKuwVheiM69zUrfrctefu9M

press to zoom
GOtexas
GOtexas

press to zoom
GOradio
GOradio

press to zoom
1/9

STAMPA

Dura, elettrizzante, intransigente [...] L'abilità di Bechis sta nel dirigere questa storia di orrori, troppo presto dimenticata, con straordinaria riservatezza, senza mai indulgere in uno scatto superfluo o in un effetto facile - aiutato da una sceneggiatura intelligente e rigorosa, e un cast di attori sconosciuti.
Irene Bignardi, La Repubblica

Il merito di questo film intransigente è che ci ricorda verità che ci riguardano ma che si dimenticano troppo facilmente: la banalità del male, la minaccia costante rappresentata dalle azioni di controllo e repressione di tutte le burocrazie.
Goffredo Fofi, Panorama

Il ricordo lasciato da Garage Olimpo aleggia, come una macchia, come lo sporco. È molto diverso dall'indignazione che ci lascia gratificati e soddisfatti di noi stessi; è qualcosa di più duraturo, qualcosa che si attacca alla nostra pelle ed è difficile da eliminare. È la nausea.
Gustavo Noriega, L'amante

Ho cercato uno stile personale in cui raccontare, piuttosto che torturarsi, la sofferenza delle sue vittime. La scomparsa dei prigionieri e il silenzio che circonda la loro sorte non sono avvenimenti casuali, ma il risultato di una decisione presa scientificamente e deliberatamente proprio all'inizio della dittatura militare (Marco Bechis, Intervista - estratto).
Maria Pia Fusco, La Repubblica

Il suo film è di una violenza nauseante, spietata: il tavolo di diverse tensioni necessarie per abbinare il peso corporeo della vittima, alternato ai suoni ordinari della vita quotidiana: canzoni pop, calcio, ping pong. I mostri sono tra noi, entrano in funzione proprio come noi.
Maurizio Porro, Corriere della Sera