IL SORRISO

DEL CAPO (2011)

ilsorrisodelcapo.jpg

Scritto da Marco Bechis e Gigi Riva. A cura di Iacopo Patierno e Marco Bechis Assistenti alla regia: Filippo Ceredi e Giovannella Rendi.

Prodotto da Cinecittà Luce e Karta FiLM. Cast principale: Riccardo B.

Presentato in anteprima al Torino Film Festival 2011

Utilizzando filmati sorprendenti dagli archivi Luce (cinegiornali, ma anche film veri) Il sorriso del capo / Il sorriso del leader mostra come funziona la propaganda, presenta la vita quotidiana nei suoi dettagli più rivelatori e descrive l '"educazione" di un paese. Marco Bechis esplora il sentimento del consenso: ci racconta da dove nasce, quali strumenti si usano per diffonderlo, come si oppone. Il filo conduttore del film è una voce, enigmatica fino alla fine, che racconta in prima persona com'è crescere sotto il fascismo.

 

ragazzefotografe
ragazzefotografe

press to zoom
Mussoliniegiovanesoldato
Mussoliniegiovanesoldato

press to zoom
HitlereMussolini1
HitlereMussolini1

press to zoom
ragazzefotografe
ragazzefotografe

press to zoom
1/8

STAMPA

Chi crede che la costruzione del consenso e il culto del leader che usa i media sia un'invenzione recente, brevettata da Berlusconi, dovrebbe guardare Il sorriso del capo e ricredersi.

Ilvo Diamanti, La Repubblica.

.

Il sorriso del capo non si occupa di una terza dimensione, ma parla di noi. Sul populismo e sui suoi meccanismi, sull'ascesa incontrastata di un dittatore e su come le immagini e la tecnologia (Mussolini lo comprese molto presto) possono sostenere e abbracciare un progetto di dominio.

Malcolm Pagani, Il Fatto Quotidiano.

.

Marco Bechis descrive questo rapporto di folle, assoluto amore tra gli italiani e il Duce per descrivere tutti gli altri rapporti, fisici e immediati, tra il popolo esultante e il loro Leader.

Gian Antonio Stella, Corriere della Sera.

Qui vediamo frammenti di eventi quotidiani che, mentre si susseguono a una velocità vertiginosa (quasi come un film sovietico degli anni '20), alla fine rivelano come un progetto di modernità possa suscitare le masse.

Wlodek Goldkorn, L'Espresso.